Renzi, che errore! Sbaglia il sito internet e favorisce il “No” al referendum

bastausiPotrebbe sembrare una notizia di Lercio, la nota pagina satirica nata su Facebook che riporta finte news esilaranti e paradossali. Invece è tutto vero.

Nell’indicazione del sito internet del Comitato referendario “Basta un sì”, contenuto nella lettere inviata agli elettori italiani all’estero dal presidente del Consiglio e segretario PD Matteo Renzi, il dominio è sbagliato: invece di www.bastaunsi.it è stato scritto www.bastausi.it. 

Il Comitato per il No referendario “Costituzione Bene Comune” non si è lasciato sfuggire l’occasione e ha subito acquistato il dominio: cliccando sul dominio presente nella lettera inviata agli elettori italiani all’estero, infatti, ci si ritrova sulla pagina web del Comitato di Altero Matteoli. Ad accorgersi dell’errore era stato l’ex ministro della Lega Nord, Roberto Calderoli.

Un autogol clamoroso per Renzi, che deve già fare i conti con i sondaggi negativi per il fronte del sì: secondo le ultime stime, il NO sarebbe in vantaggio di circa 4-5 punti percentuali. Il presidente del Consiglio non si è mostrato troppo preoccupato dai sondaggi, ed ha anzi usato l’ironia, sostenendo che ultimamente le opinioni pre-voto non sembrano poi corrispondere al risultato reale che emerge dalle urne: un chiaro riferimento al voto USA, con la Clinton che era data per favorita nella corsa alla Casa Bianca ma è poi stata sconfitta dal magnate repubblicano Donald Trump.