Home Tempi Postmoderni Scienze

Stephen Hawking: “Gli alieni esistono, ma sono pericolosi”

CONDIVIDI

stephen-hawking-4Saranno stati contenti i milioni di  sostenitori dell’esistenza degli alieni quando hanno sentito il più grande astrofisico vivente, Stephen Hawking, confermare la loro esistenza: “Più invecchio, più mi convinco che non siamo soli”.

Con questa frase l’astrofisico comincia a parlare del suo nuovo progetto in un film documentario intitolato “Stephen Hawking’s Favorite Places” disponibile online per chiunque fosse interessato. Lo scienziato ha passato un intera vita a cercare una soluzione al mistero della creazione dell’universo ed una spiegazione delle leggi che lo regolano. Adesso, dopo decenni di studi, è certo dell’esistenza di altre forme di vita nell’universo ed è deciso a trovare un segnale che gli permetta di dimostrarlo oltre ogni ragionevole dubbio.

Per fare ciò ha deciso di collaborare con il ‘Project Breakthrough Listen‘, in cui un equipe di scienziati si occuperà di mandare messaggi verso le milioni di stelle più vicine al nostro pianeta in cerca di una prova dell’esistenza di vita intelligente. Il professor Hawking è convinto che un giorno non troppo lontano potremmo ricevere un messaggio da un pianeta come Gliese 832c, ma in quel caso bisognerà rispondere con cautela, gli alieni, infatti, potrebbero essere molto più evoluti di noi e considerarci alla tregua di batteri, che se considerati da loro pericolosi devono essere sterminati.

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram