Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia

De Luca contro tutti: Bindi “da ucciderla”, Salvini “porta male”, Grillo “non ci deve rompere”

CONDIVIDI

Rosy BindiParole durissime, forse folkloristiche, certamente censurabili. Sono quelle rilasciate dal Presidente della regione Campania Vincenzo De Luca, intervistato da ‘Matrix’ circa Rosy Bindi che – alla vigilia delle regionali di un anno e mezzo fa che lo hanno poi visto conquistare la carica di Governatore della Campania – parlò di lui come un “impresentabile” per una condanna in primo grado (poi divenuta assoluzione in appello “perché il fatto non sussiste”).

L’ex Sindaco di Salerno, membro del Partito Democratico, si è espresso in questi termini parlando della compagna di partito e della vicenda per la quale non pare la abbia esattamente perdonata: “Quello che fece la Bindi è stata una cosa infame, da ucciderla. Ci abbiamo rimesso l’1.5 – 2 per cento di voti. Atti di delinquenza politica. E non c’entra niente la moralità, era tutto un attacco al governo Renzi”.

Questo il link per sentire l’intervista integrale rilasciata da De Luca, che ha parlato senza peli sulla lingua anche di Salvini (“Porta male. Quando parla mi tocco”) e di Grillo (“Da lui non mi aspetto la coerenza se hai la villa a Genova, la villa a Marina di Bibbona, ti fai le ferie sulla Costa Smeralda, vai a Malindi con la panza al sole e poi torni e fai il monaco trappista non ci devi rompere le scatole”).