Il Pm chiede nove anni per MariaGiulia/Fatima, la donna convertita all’Islam che combatte in Siria

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:32

La vicenda di Maria Giulia Sergio, meglio nota con il nome di conversione Fatima, ha fatto scalpore qualche mese fa in Italia. la ragazza si era sposata con un musulmano, e si era convertita all’islam. Da lì all’estremismo il passo è stato veloce: la donna aveva fatto convertire tutta la famiglia, la sorella, il padre e la madre. Fatima si era recata in Siria con l’intenzione di unirsi alle file del califfato. Le telefonate della donna con la sua famiglia erano state intercettate: la donna aveva organizzato l’arrivo del resto della famiglia in Siria, parlava di martirio, di jihad, di sangue dei nemici.

fatimaAdesso il Pm Paola Pirotta ed il procuratore aggiunto Maurizio Romanelli hanno chiesto per la foreign fighter italiana nove anni di galera per essersi unita alla “più pericolosa organizzazione terroristica del mondo” senza mostrare mai “cedimento o una rivisitazione critica”. Chiesti nove anni anche per il marito e per la maestra indottrinatrice, Haik Bushra. Chiesti otto anni per la mare del marito, per la sorella Seriola, anch’essa in Siria. 3 anni e 4 mesi per il padre, Sergio Sergio, che si è pentito invece della decisione; chiesti 5 anni e 4 mesi per la madre.

Il padre di Fatima Sergio stava per partire “consapevolmente” per la Siria. “Si può dire che le figlie erano cattive e più forti del padre, è anche vero che lui ha preso la decisione di partire, si è licenziato dal suo posto di lavoro e ha messo a disposizione i soldi per il viaggio” ha sostenuto il procuratore.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!