Stati Uniti, i fan di Trump decidono di boicottare la Pepsi

Meme contro la PepsiGiunto il risultato delle elezioni americane, è partita la guerra ai brand. E così, se da un lato i fan della perdente Hillary Clinton diffondono online una lista di aziende da boicottare in quanto finanziatrici della campagna elettorale di Donald Trump (la lista, in realtà, sarebbe un fake), i fan del presidente in pectore hanno deciso di scagliarsi contro una specifica multinazionale, la PepsiCo.

La PepsiCo, che vende la Pepsi ma non solo, è finita nel punto di mira deli elettori di Trump, dopo le dichiarazioni della scorsa settimana della numero uno dell’azienda Indra Nooyi che, intervistata dal ‘New York Times Dealbook’, ha dichiarato che il proprio staff si è ritrovato a “lamentarsi” quando addirittura non a “piangere” letteralmente subito dopo le elezioni. Aggiungendo che alcuni membri dello staff hanno addirittura la necessità di sentirsi rassicurati circa la propria incolumità.

E così i fan di Trump, infastiditi dalle parole della Nooyi (che s’è anche espressa circa il linguaggio poco consono quando non sessista del magnate divenuto presidnete), hanno preso di mira l’azienda, con l’hashtag su Twitter #boycottpepsi e con una serie di meme (uno dei cavalli forti del movimento alt-right che ha sicuramente dato una mano a Trump per diventare presidente).

Sarà un caso, ma dal giorno del voto il valore del titolo è sceso del 5%…

Andamento azioni Pepsi