Imola, ossa umane abbandonate nei pressi del cimitero: potrebbero appartenere ad un soldato tedesco

Un'immagine del cimitero monumentale di Castellana Grotte (Bari)La Seconda Guerra Mondiale è terminata da oltre 70 anni, ma i suoi ‘resti’ sul territorio sono ancora ben visibili. Capita spesso, infatti, di imbattersi in qualche mina inesplosa che gli artificieri sono costretti a far brillare. Ma qui siamo di fronte ad un ritrovamento ancora più curioso.

I carabinieri del comando centrale di Imola (Bologna) hanno ricevuto una telefonata che all’inizio poteva essere presa anche per uno dei classici ‘scherzi’ telefonici. Ma dall’altra parte della cornetta l’individuo era assolutamente serio: si trattava dell’addetto alla manutenzione del cimitero comunale, che voleva avvisare i militari del ritrovamento di ossa umane, un elmetto e altri oggetti, probabilmente risalenti all’ultimo conflitto mondiale, all’interno di una busta di plastica che qualcuno aveva abbandonato per terra, davanti alla porta dell’abitazione del custode del cimitero, insieme a un foglio di carta con scritto: “Teschio e ossa di un militare tedesco”.

Le spoglie del presunto milite ignoto sono state recuperate e depositate alla camera mortuaria dell’Ausl di Imola. La magistratura è stata informata dai carabinieri che hanno avviato gli accertamenti per risalire al responsabile che ha abbandonato la busta.

Vista l’insorgenza di un caso così ‘caratteristico’, le forze dell’ordine hanno voluto sottolineare come, in caso di ritrovamenti dello stesso tenore, non bisogna trasportare il contenuto o portarlo nelle proprie abitazioni, ma limitarsi ad avvisare subito il 112 o i carabinieri.