India: sedicenne ricoperto di neurofibromi isolato e schernito

mithunL’appello di  Mithun Chauhan sedicenne indiano nato a Navada ha commosso il mondo intero: questo sfortunato ragazzo è nato con una  malattia genetica in curabile, la neurofibromatosi, che gli ha ricoperto l’intero corpo di bolle enormi (neurofibromi) che lo deturpano e gli impediscono di vedere e parlare bene.

Non esistendo una cura per questa malattia, l’unico strumento a disposizione sua e della sua famiglia sono dei costosissimi interventi chirurgici, interventi che la famiglia non si può permettere. Sin da piccolo Mithun è stato costretto a convivere con il suo aspetto fuori dall’ordinario e con lo scherno dei suoi coetanei. Crescendo il disagio per una condizione di vita disagiata ed isolata è cresciuto costantemente facendogli dubitare della volontà degli dei “Perché gli dei mi hanno condannato a una vita come questa?“, una domanda lecita per un ragazzo che non capisce il perché di tanta avversione della natura.

La sua storia è stata raccontata al ‘Daily Mail’ dai genitori, questi addolorati per la situazione del figlio ed arrabbiati per le continue vessazioni da lui subite hanno deciso di rendere nota la sua storia: qualche settimana fa Mithun è stato ritirato dalla scuola dell’obbligo, i compagni lo prendevano in giro ogni giorno, lo chiamavano il “Ragazzo Fantasma” e questo lo faceva soffrire. Ma questo non basta a proteggerlo dalla paura e dalla diffidenza del prossimo: “I miei genitori mi hanno proibito di girare da solo di notte, poiché terrorizzerei chi si troverebbe a guardarmi in faccia“, racconta Mithun al quotidiano inglese.