Sud Africa: madre uccide una bambina di tre anni per coprire lo stupro commesso dal figlio

omicidio-pretoriaUna terribile storia di violenza, passione, perversione e morte ci giunge da Pretoria (Sud Africa) dove una madre di 32 anni ha ucciso la figlia (3 anni) di una sua amica per proteggere il proprio bambino da un’accusa per violenza sessuale.

La donna aveva in affidamento la piccola per un pomeriggio e non immaginando a cosa potesse arrivare il figlio di soli nove anni, l’ha lasciata nelle sue cure, quando però si è accorta di cosa stesse facendo il figlio lo ha prima allontanato e poi placato il pianto della bambina e poi addormentata. In preda al panico la donna ha pensato a come convincere la bambina a non parlare dell’accaduto, ma vista la tenera età di questa ha capito che non ci sarebbe stato altro modo che ucciderla per salvaguardare il futuro di suo figlio.

Così, dopo aver controllato che la bambina dormisse, la donna (il cui nome è tenuto sotto riserbo)  ha preso un sasso e colpito l’innocente vittima fino ad ucciderla. Poi per nascondere il corpo lo ha gettato nel giardino e lo ha coperto con delle lastre di ferro ondulate, per i successivi tre giorni (il periodo di affidamento della piccola) ha finto che non fosse successo niente, mandando il bambino a scuola e mentendo all’amica, ma il piccolo non ha saputo mantenere il segreto ed ha confessato tutto alla zia che ha fatto arrestare la sorella.