Cagliari, orrore in spiaggia: trovato un cadavere mutilato, si indaga sull’identità

Ritrovamento scioccante a Cagliari, sul lungomare Poetto, nel tratto vicino all’ospedale Marino. E’ stato ritrovato il corpo senza vita di un uomo, senza arti e neppure la testa, in stato di saponificazione. Tutto è iniziato quando un uomo che stava passeggiando col cane sulla spiaggia ha notato che il suo animale continuava ad abbaiare vicino ad una busta, un sacco informe che l’uomo, avvicinandosi, ha scoperto contenere ossa umane.

schermata-2016-11-27-alle-09-34-27A quel punto il passante ha chiamato subito il 113. Sul posto sono intervenuti gli agenti della squadra Mobile, con il primo dirigente Alfredo Fabbroncini. Il medico legale, ispezionando il corpo, ha rilevato che era avanzato il fenomeno cadaverico della saponificazione. Il corpo non aveva testa, gambe ed avambracci: è probabile che una lunga permanenza in mare abbia comportato la riduzione del corpo in questo stato.

Il corpo è stato portato al policlinico universitario di Monserrato. Lunedì verrà eseguita l’autopsia. L’esame del Dna dovrà poi accertare l’etnia del povero corpo, l’età, e quindi la presenza o meno di violenze (presenza o meno di proiettili). L’ipotesi più probabile è che si tratti del corpo di un migrante, morto durante uno dei viaggi della speranza, e quindi gettato in mare dove potrebbe trovarsi da settimane.