Carrara, operaio muore travolto dalla lastra di marmo

carraraTragedia, l’ennesima, in una cava di marmo. Un operaio di 46 anni, Mauro Giannetti, è rimasto ucciso dalle macerie che si sono staccate da una parete. L’uomo è stato travolto dai massi, che lo hanno ucciso sul colpo.

Giannetti era il fratello del titolare della cava. La tragedia è avvenuta alla cava 5 Piastriccioni della ditta Calacatta Zeta, in pieno parco regionale delle Alpi Apuane. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, carabinieri, polizia e tecnici del Servizio di prevenzione dell’Asl.

Il lastrone che ha travolto e ucciso Mauro Giannetti pesava all’incirca 2 tonnellate. Secondo le prime ricostruzioni l’uomo aveva appena finito il taglio del blocco di marmo e stava togliendo le impalcature sistemate attorno al blocco. Ad un certo punto, il pesante lastrone si è spezzato, travolgendo il Giannetti. I primi a dare l’allarme sono stati i compagni di lavoro, ma per l’uomo non c’era più niente da fare.

E’ il secondo incidente mortale del 2016 dopo quello dello scorso aprile, dove persero la vita due operai, Roberto Ricci Antonioli e Federico Benedetti. In segno di lutto rinviato il consiglio comunale a Carrara. Per martedì 29 è già è stato indetto uno sciopero.

Condoglianze anche da parte del ministro Franceschini, che avrebbe dovuto partecipare ad un’iniziativa proprio a Marina di Carrara. Iniziativa che è stata annullata.