Saronno, sovradosaggi per uccidere pazienti: arrestato il “dottor Morte”

saronnoblitzUccideva con gli strumenti con cui era chiamato a curare e salvare le vite delle persone. Un medico anestesista che praticava sovradosaggio per mettere a segno i suoi terribili omicidi. 

I carabinieri hanno provveduto ad arrestare Leonardo Cazzaniga e la sua amante Laura Taroni  in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip di Busto Arsizio Luca Labianca martedì mattina. Il reato principale contestato a entrambi è l’omicidio volontario.

Cazzaniga, immediatamente ribattezzato “dottor Morte”, toglieva la vita ai pazienti convinto probabilmente “di porre fine alle sofferenze”. Le prime vittime accertate sono stati quattro anziani pazienti, ai quali sono stati somministrati dosi letali di farmaci per via endovenosa, in sovradosaggio e in rapida successione: clorpromazina, midazolam, morfina, propofol e promazinama. In seguito il folle piano della coppia si è esteso, dato che Cazzaniga e la Taroni – infermiera nello stesso Pronto Soccorso dell’ospedale di Saronno (nel frattempo entrambi sono stati trasferiti) – hanno successivamente maturato il progetto di uccidere il marito di lei.

All’uomo sono stati somministrati farmaci “incongrui” alle sue condizioni di salute: un dosaggio “killer” durato molto tempo, e che ha portato alla morte del marito di Laura Taroni.

Diverse persone, pur ricevendo segnalazioni, non si sarebbero attivate a dovere: per questo gli indagati complessivi sono una decina tra medici e altri sanitari.