3 Dicembre 2016: si venera San Francesco Saverio

Il 3 Dicembre la Chiesa Cattolica celebra il dies natalis di San Francesco Saverio, al secolo Francisco de Jasso Azpilcueta Atondo y Aznares de Javier.

Nato da famiglia nobile il 7 aprile 1506 a Javier, in Navarra, fu un gesuita e missionario spagnolo, evangelizzatore in Asia ed Estremo Oriente.

Studiò in Francia alla Sorbona, e dopo il primo triennio divenne maestro di teologia.

Insieme a Ignazio di Loyola e Pierre Favre, Francisco pronunciò i voti di povertà, castità, obbedienza e pellegrinaggio in Terrasanta; i tre fecero parte del nucleo di fondazione della Compagnia di Gesù.

Nel 1537 a Roma fu ordinato sacerdote e in questa occasione i primi gesuiti aggiunsero ai voti tradizionali di povertà, castità e obbedienza quello dell’obbedienza al papa.

Nel 1540 papa Paolo III lo inviò – per volere del sovrano portoghese Giovanni III -, a evangelizzare nelle Indie Orientali; visitò Goa, Taiwan, poi fu in Malesia, nella penisola di Malacca, Giappone e Cina.

Durante uno dei suoi viaggi si ammalò e nel 1552 morì.

Il suo corpo fu trasportato a Goa e ivi sepolto nella Chiesa dei Gesuiti.

Fu canonizzato con Ignazio di Loyola da papa Gregorio XV il 12 marzo 1622.

A Roma, nella chiesa madre dell’ordine dei Gesuiti, dal 1614 si conserva il braccio destro del santo.

In suo onore in Belgio, nel Giugno del 1839, nacque la congregazione maschile, di stampo laico, dei Fratelli di San Francesco Saverio (Fratelli Saveriani), allo scopo di istruire e di educare i giovani.

MDM