Udine, ragazza picchiata dalla madre: si rifiutava di portare il velo islamico

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:23

udineveloA casa rispettava il credo della famiglia, ma una volta giunta a scuola si liberava del velo islamico. Ma quando la madre l’ha scoperta, l’ha aggredita e picchiata, procurandole una ferita al labbro e contusioni guaribili in tre giorni.

Per questo motivo un’adolescente di origini nordafricane, studentessa in un istituto superiore di Udine, è stata allontanata d’urgenza da casa dalla polizia di Stato e sistemata in una struttura protetta.

La ragazza usciva sempre di casa indossando il velo islamico, ma una volta arrivata a scuola lo toglieva, per poi rimetterlo all’uscita, prima che i genitori venissero a prenderla. Martedì pomeriggio, però, la madre è giunta a scuola prima del previsto e ha scoperto la figlia senza il consueto velo. Dopo averla riportata a casa, la donna ha infierito sulla giovane, picchiandola: successivamente ha avvisato il marito, fuori città per lavoro. L’adolescente, terrorizzata da quanto sarebbe potuto accadere al ritorno del padre, si è confidata con gli insegnanti, che hanno immediatamente avvertito la Squadra Mobile.

La donna si è giustificata dicendo di aver punito la figlia solo per averle disubbidito nei comportamenti, e non per motivi religiosi legati al velo islamico. L’episodio è stato segnalato sia alla Procura di Udine per le indagini a carico della madre per l’episodio delle percosse sia alla Procura dei minori a tutela della posizione della ragazzina, che sarà ascoltata nelle forme previste dalla legge.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!