Torino: scoperta la mummia della Regina Nefertari

queen-nefertariqueen-of-egypt-1-638Un tesoro ben più grande di quello che si pensava era custodito nel Museo Egizio di Torino, ad affermarlo è un equipe di archeologi internazionali che ha condotto in questi mesi dei test sulle gambe contenute in una delle teche del museo, le quali fino ad oggi non avevano un identità: si tratterebbe infatti dei resti della mummia di Nefertari una delle regine più famose dell’Antico Egitto, la leggenda tramanda che fosse la moglie preferita di Ramses II.

Esattamente come per tutte le altre regine, il suo corpo era custodito in un sarcofago situato nella Valle delle Regine scoperto nel 1904 dall’archeologo italiano Ernesto Schiapparelli. Purtroppo prima dell’arrivo degli archeologi la tomba era già stata saccheggiata, ma conteneva ancora dei reperti importanti tra cui le gambe di una mummia. Stranamente lo studio per accertare l’identità delle regine più famose d’Egitto è partito solo recentemente, quindi, per oltre cento anni quelle tibie e quei peroni non sono state mai analizzate.

I risultati degli studi hanno condotto a Nefertari e sono stati pubblicati sulla rivista scientifica ‘Plos One‘, nell’articolo si legge che ben 14 test su 16 confermano l’identità della regina e che nonostante non si sia potuto effettuare un test del DNA a causa della mancanza di quello dei suoi parenti, non vi sono dubbi che i resti siano proprio della moglie di Ramses II.