Francia, l’ex ministro del Bilancio condannato a tre anni di carcere

jeromecahuzacTre anni di carcere e cinque di ineleggibilità: questa la pena comminata all’ex ministro del Bilancio francese, Jerome Cahuzac.

Cahuzac, 64 anni, è stato ministro del Bilancio nel governo di Francois Hollande: i giudici lo hanno ritenuto colpevole del reato di frode fiscale e riciclaggio.

Un’inchiesta partita da uno scandalo scoppiato nel 2012, con le rivelazioni da parte del sito francese Mediapart che accusavano l’allora ministro del Bilancio di possedere dei conti all’estero. Accuse che all’inizio erano state fermamente smentite da Cahuzac, tanto che l’ex ministro giurò dinanzi a Hollande di non aver mai posseduto conti in Svizzera. Ma la procura di Parigi, nel 2013, decise comunque di avviare l’inchiesta: ne venne fuori che Cahuzac e la sua ex moglie Patricia possedevano eccome dei conti, precisamente in Svizzera, nell’isola di Man e a Singapore per un valore di almeno 3,5 milioni di euro. Per questo motivo, i giudici hanno condannato anche l’ex moglie di Cahuzac a 2 anni di prigione senza condizionale.

Fu lo stesso Cahuzac ad ammettere l’esistenza dei conti in un secondo momento: confessione che comportò inevitabilmente le sue dimissioni da ministro, che gettarono le prime ombre sulla trasparenza sempre professata da Hollande. E non è tutto: Cahuzac, ex chirurgo, era stato scelto per dare la caccia agli evasori fiscali. Gli ex coniugi Cahuzac hanno già rimborsato il fisco di una parte della cifra evasa.