Venezia, vigili spengono un incendio e trovano un corpo impiccato

foto Il Messaggero
foto Il Messaggero

Quando sono stati chiamati ad intervenire per spegnere un incendio divampatosi all’interno di un’abitazione nel veneziano, i vigili del fuoco non potevano immaginare cosa avrebbero trovato una volta domate le fiamme.

I pompieri sono riusciti a spegnere l’incendio che ha avvolto un edificio di via Piccin 30, a Loncon, frazione del comune di Annone Veneto, circa 4000 anime in provincia di Venezia. I vigili del fuoco, intervenuti alle 5.30 da Portogruaro, Motta di Livenza e Mestre hanno spento le fiamme, evitando il coinvolgimento delle attigue abitazioni.

Ma dopo aver compiuto il loro dovere, i vigili del fuoco si sono accorti che all’interno dell’abitazione si trovava il cadavere di una persona, o meglio un corpo impiccato: si tratta di M.S., un 56enne del posto che viveva in affitto nella casa incendiata. Non è ancora chiaro se l’uomo si sia tolto la vita o meno, ma la presenza di una corda di nylon attorno al collo di M.S. lascia presupporre che potrebbe essersi trattato di suicidio. Tuttavia, gli inquirenti non si sentono di escludere anche altre piste.

Le operazioni di spegnimento dell’incendio sono continuate per tutta la mattina.

Sul luogo personale del NIAT (Nuclei Investigativi Antincendi Territoriali) per indagare sulle cause dell’incendio, i carabinieri e il medico legale.