12 Dicembre 2016: si venera Nostra Signora di Guadalupe

Il 12 Dicembre la Chiesa Cattolica celebra la memoria facoltativa della Beata Maria Vergine di Guadalupe, o più semplicemente Nostra Signora di Guadalupe, l’appellativo con cui i cattolici messicani venerano la Madonna dal 1531.

Secondo la tradizione, tra il 9 e il 12 dicembre 1531, sulla collina del Tepeyac, vicino a Città del Messico, la Madonna apparve più volte a Juan Diego Cuauhtlatoatzin, un azteco convertito al cristianesimo.

La Vergine gli avrebbe chiesto di persuadere il vescovo a edificare un santuario in quel luogo, suggerendo ella stessa il nome di Guadalupe (forse la trascrizione in spagnolo dell’espressione azteca Coatlaxopeuh, “colei che schiaccia il serpente”.

Cosicché sul posto fu eretta una cappella, sostituita nel 1622 da un santuario vero e proprio che, nel 1976, divenne l’attuale Basilica di Nostra Signora di Guadalupe.

La basilica conserva il mantello del veggente indio – che Papa Giovanni Paolo II canonizzò nel 2002 – sul quale è raffigurata la Virgen Morenita, così chiamata per il colore scuro della sua pelle.

Nel 1921 un’esplosione danneggiò la basilica, ma il mantello con l’effigie della “Morenita” rimase intatto.

Il santuario di Nostra Signora di Guadalupe è il più frequentato e amato di tutto il Centro e Sud America, con oltre venti milioni di pellegrini che lo visitano ogni anno, attratti in particolare dall’immagine sul mantello che, alla stregua della Sacra Sindone, suscita la devozione dei fedeli di tutto il mondo ed è al contempo oggetto di numerosi interrogativi.

L’mmagine non è una pittura, non un disegno, né è fatta da mani umane; con l’aiuto di apparecchiature sofisticate, un team di scienziati ha evidenziato la presenza di un gruppo di 13 persone riflesse nelle pupille della Vergine; forse Juan Diego, con il vescovo e altri personaggi, presenti il giorno in cui Maria apparve nella casa dell’alto prelato.

MDM