La Cina critica Trump: “Immaturo, siamo seriamente preoccupati”

trumpAumenta l’intesa con Mosca ma precipita quella con Pechino. Se la politica estera del neo Presidente USA Donald Trump sembrerebbe improntata a mantenere buoni rapporti con la Russia, dall’altra parte c’è un colosso dell’Est che si dice “molto preoccupato” per le posizioni del tycoon.

La Cina non le ha mandate a dire, dopo che Trump qualche giorno fa aveva messo in discussione la politica adottata dagli Stati Uniti della “unica Cina” a favore di Pechino, riconosciuta a livello diplomatico dal 1979, a scapito di Taipei.

La stampa cinese non ha perso tempo, e ha stroncato il magnate repubblicano, definendolo “immaturo e superficiale”. “Come uomo d’affari, pensa che sia normale fare business, ma non ha capito che la questione di Taiwan non e’ materia di business per la Cina. La questione di Taiwan non e’ negoziabile“, spiega al quotidiano Li Haidong, docente della China Foreign Affairs University.

Per quanto riguarda invece le voci che parlano di un intervento diretto della Russia nelle ultime elezioni presidenziali a favore di Donald Trump, il neo Presidente bolla il tutto come “ridicolo”. Ma la probabile nomina di Rex Tillerson come nuovo segretario di Stato americano aumenta i sospetti: Tillerson, infatti, è amico personale del leader russo Vladimir Putin.