13 Dicembre 2016: si festeggia Santa Lucia martire

Il 13 Dicembre la Chiesa Cattolica celebra la memoria liturgica di Santa Lucia, vergine e martire.

Venerata come santa anche dalla Chiesa Ortodossa, Lucia visse a Siracusa nel III secolo. Qui si trovano iscrizioni che testimoniano una fervida devozione verso la Santa già dai primi secoli dell’era Cristiana: un’epigrafe di marmo rinvenuta nelle catacombe di Siracusa, risalente al IV secolo, è la testimonianza più antica del culto di Lucia.

Secondo una leggenda normanna Lucia era orfana di padre e sua madre, Eutichia, gravemente malata cosicché, insieme, si erano recate in pellegrinaggio al sepolcro di sant’Agata, dove la martire catanese apparve a Lucia preannunciandole il martirio.

Dopo questo episodio la giovane decise di consacrarsi a Dio, rifiutando il matrimonio ed elargendo tutti i suoi beni ai poveri, dunque il promesso sposo la denunciò alle autorità in quanto cristiana.

Condotta davanti al prefetto questi stabilì che la giovane venisse esposta tra le prostitute, ma Lucia fu irremovibile, pertanto torturata (invano), infine decapitata o trafitta alla giugulare con un fendente, intorno al 304, sotto Diocleziano.

Quanto all’episodio in cui Lucia si strappa, o le vengono strappati gli occhi, esso è privo di ogni fondamento storico; nell’iconografia l’emblema degli occhi sul piatto andrebbe ricollegato esclusivamente all’etimologia del suo nome, che deriva da Lux “luce”.

Nel 1040 le sue spoglie mortali – sebbene non sia certo che si tratti del corpo della giovane martire siracusana -, furono portate a Costantinopoli e successivamente trafugate dai veneziani, che le condussero nella chiesa di San Geremia a Venezia dove tuttora è conservato e venerato.

Secondo uno studioso francese in realtà il corpo della Santa si troverebbe a Metz, nel nord-est della Francia.

Santa Lucia è considerata la protettrice degli occhi, dei ciechi, degli oculisti, degli elettricisti e degli scalpellini.

Invocata nelle malattie degli occhi il suo culto certamente è legato a qualche antica festa popolare celebrante la luce, perché nel calendario gregoriano si faceva cadere in prossimità del solstizio d’inverno, periodo in cui molte tradizioni celebrano la luce in vista del solstizio invernale.

MDM