14 Dicembre 2016: si festeggia San Giovanni della Croce

Il 14 Dicembre la Chiesa Cattolica celebra la memoria liturgica di San Giovanni della Croce, al secolo Juan de Yepes Álvarez, sacerdote e Dottore della Chiesa.

Nato a Fontiveros (Ávila), nel 1542, suo padre era un nobile toledano diseredato per aver sposato un’umile tessitrice di seta.

Rimasto orfano del genitore, trascorse l’infanzia trasferendosi con la madre da un luogo all’altro e, sin da molto giovane, mostrò una particolare attitudine verso la contemplazione ascetica.

Si formò a Medina del Campo (Valladolid) al “Colegio de los doctrinos”, lavorò come falegname, sarto, pittore e intagliatore; nel 1563 entrò nell’Ordine dei Carmelitani e cinque anni dopo ottenne la laurea in teologia e filosofia all’Università di Salamanca.

Ordinato sacerdote, incontrò Teresa d’Avila e ottenne dal priore generale dell’Ordine, Padre Rossi, il permesso di fondare due conventi di Carmelitani contemplativi (successivamente detti Scalzi), uno maschile ed uno femminile.

Venne ingiustamente incolpato e incarcerato per otto mesi nel convento dei Carmelitani Calzati di Toledo, per un incidente occorso all’interno del monastero.

Qui scrisse molte delle sue numerose poesie.

Tornato in libertà riottenne le sue funzioni nell’ordine carmelitano riformato tuttavia, nell’ultima parte della sua vita, fu abbandonato dai suoi seguaci e sollevato da ogni incarico.

Morì a Ubeda nella notte tra il 13 e il 14 Dicembre 1591, all’età di 49 anni.

Ritenuto uno dei maggiori esponenti della poesia spagnola, Il Cantico spirituale e La Notte oscura dell’anima sono considerate in assoluto tra le più belle poesie in lingua spagnola.

San Giovanni della Croce fu autore anche di trattati di teologia mistica, tra i quali spicca La Salita del Monte Carmelo, allegoria dell’anima che si eleva anelando l’unione perfetta con Dio.

MDM