Parma, ragazza travolta e uccisa dal tir: fermato conducente

erikareverberiStava tornando a casa dopo essere uscita da scuola in sella al suo scooter. Ma a casa, Erika Reverberi, 17 anni, non ci è mai arrivata. Martedì mattina, infatti, la ragazza è stata travolta da un tir in via Sant’Ambrogio, a Parma: un impatto che le è stato fatale.

Entrambi i veicoli stavano procedendo nella stessa direzione di marcia, dalle colline verso il centro città. Il conducente dell’autotreno non ha dato segno di aver percepito quanto accadeva e ha proseguito la marcia sparendo nel traffico. E’ stato possibile ricostruire la dinamica dell’incidente grazie alla testimonianza di alcuni presenti, che hanno fornito indicazioni utili per risalire anche all’identità del conducente.

Dopo accurate ricerche, gli agenti di polizia sono riusciti a risalire al camionista rimasto coinvolto nell’incidente che ha provocato la morte di Erika. Si tratta di un italiano di 40 anni: una volta raggiunto dai carabinieri, si è messo subito a disposizione degli inquirenti, fermando il mezzo all’interno dell’area della ditta modenese dove stava scaricando.

Il mezzo pesante apparteneva ad una ditta di acqua minerale che ha sede in provincia di Parma.

Gli agenti di polizia hanno poi effettuato gli opportuni rilievi sul mezzo e sul luogo dell’accaduto. Il conducente dell’autotreno è stato portato al pronto soccorso del Santa Maria Nuova per gli accertamenti che vengono condotti in questi casi.