Ecco com’è stata spiegata scientificamente la stella di Natale

stella-di-nataleDopo due millenni si è giunti alla conclusione che la famosa stella di Natale, quella rappresentata come una cometa che ha guidato i Re Magi dalla Persia fino alla stalla dov’è nato Gesù Cristo, sarebbe in realtà un fenomeno astronomico mai più verificatosi: una allineamento insolito di più pianeti.

Il primo a teorizzare questo fenomeno era stato Keplero, il quale aveva pensato ad un allineamento tra Saturno e Mercurio, partendo da quell’idea l’astronomo britannico Grant Matthews ha sviluppato la teoria di Keplero arrivando a concludere che i pianeti allineati durante quell’insolito fenomeno astronomico furono molti di più.

Questa interessante teoria è stata presentata oggi  all’Università Notre Dame di Parigi, astronomo ha spiegato che le testimonianze bibliche ed astronomiche confermano questo insolito allineamento in cui il Sole, Giove, la Luna e Saturno si trovavano nella costellazione dell’Ariete, Venere nella vicina costellazione dei Pesci, e Marte e Mercurio dalla parte opposta del cielo nel Toro.

All’epoca si credeva che la presenza di Giove e della Luna nella costellazione dell’Ariete rappresentasse la nascita di un personaggio di spicco e questo li ha condotti in Giudea alla ricerca di un bambino che stesse nascendo quella sera, inoltre, i dati da loro raccolti dimostrano come l’episodio in realtà non dovrebbe coincidere con dicembre, ma con ottobre.