Battipaglia: il brigadiere Granata si suicida di fronte alla caserma

carabinieri_218_7La notizia della triste dipartita del Brigadiere Giuseppe Granata, nato nel ’63 a Battipaglia, è stata diffusa questa mattina dall’Ansa e rimbomba in tutte realtà giornalistiche lasciando attoniti i lettori. Il carabiniere, infatti, aveva appena finito il suo turno e si era messo in macchina per tornare a casa, poi, per ragioni ancora sconosciute, ha preso la sua arma d’ordinanza, l’ha puntata alle tempie e ha fatto fuoco a due passi dalla caserma dei carabinieri traumatizzando i presenti che hanno assistito alla scena.

Sebbene sia la dinamica che alcune testimonianze sembrano confermare che si sia trattato di un suicidio, la procura ha lasciato aperto il caso per cercare ulteriori conferme all’accaduto (le testimonianze raccolte sono confuse e le persone coinvolte era ad una distanza sufficiente a lasciare un margine di dubbio). Per il momento ciò che è certo è che il Brigadiere a fine turno a perso la sua vita in circostanze quanto meno sospette. Granata lascia una moglie e due figli (rispettivamente di 25 e 27 anni), la notizia ha sconvolto i familiari che per il momento si sono chiusi nel loro dolore per elaborare il lutto.

Domani mattina la procura di Napoli ha disposto l’autopsia del cadavere per confermare la tesi del suicidio, dopo di che la salma sarà a disposizione della famiglia che potrà svolgere le onoranze funebri.