Omicidio Yara Gambirasio, la guardia giurata: “Il dubbio mi divora”

yaraA 6 anni dalla sua morte, e con un unico imputato per l’omicidio, continuano ad emergere dettagli sulla triste vicenda legata a Yara Gambirasio, 13enne ritrovata morta a Brembate nel 2010 dopo essere scomparsa per parecchio tempo e per cui Massimo Bossetti rimane accusato principale.

In tal senso, aggiunge dettagli la testimonianza dell’ex guardia giurata Mario Torraco, intervistata da ‘Oggi’: “C’è stato un urlo che mi ha fatto voltare. Era una voce femminile. Mi sembra abbia urlato ‘aiuto’. E subito dopo ho udito una voce maschile: ‘Stai zitta’”.

E adesso, a 6 anni dall’accaduto, aumenta il rimorso per Torraco, che ai tempi aveva pensato si trattasse di un litigio tra fidanzati. Ma poi, avendo scoperto che era scomparsa una ragazzina in zona, il sospetto gli era sovvenuto: “Il dubbio mi divora. Sarà un rimorso che mi tormenterà per il resto della mia vita. Quell’uomo, alto e atletico, che ho visto sollevare, stringendola a sé, una ragazza vestita con un giubbetto scuro, poteva essere l’aggressore di Yara”.