Grecia: Coca Cola e Nestlè ritirano prodotti dopo minacce anarchiche

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:44

Coca Cola, Nestlè, Unilever, Vivartia e una catena di supermercati, la Delta, hanno deciso di ritirare parte coca-cola-640dei loro prodotti dai magazzini ellenici. La decisione è stata presa “in via precauzionale” dopo che il gruppo anarchico-ecologista Fai/Irf ha annunciato di aver contaminato decine di prodotti alimentari con cloro e acido cloridrico e di essere pronto a rimettere la merce avvelenata negli scaffali tra il 22 dicembre ed il 5 gennaio.

Prudenti ma sicure le autorità locali: “Non ci saranno problemi- hanno infatti rassicurato i Nas-, la minaccia non si materializzerà”. Eppure, in mancanza di una certezza assoluta, i marchi interessati dal sabotaggio hanno comunque optato per un ritiro dei prodotti interessati. La Coca Cola light dunque, così come la maionese Hellmann, alcuni tipi di pelati ed il Tomato Ketch-up sono rimasti fermi nei magazzini in attesa di comprendere quanto plausibile sia la minaccia. Aperta anche una linea verde per i clienti, con la possibilità di richieste di chiarimenti per chi fosse interessato.

Ad ogni modo, dati i precedenti, non pare inverosimile che gli anarchici siano nella posizione di poter portare avanti azioni di protesta di questo tipo. Nel 2014 infatti, la stessa sigla antagonista aveva diffuso un video nel quale veniva mostrato come i militanti fossero in grado di avvelenare alimenti e bevande senza danneggiarne le confezioni. Ma, assieme alla paternità del gesto, gli autori della minaccia ne spiegano le ragioni e l’etica di fondo: “Non vogliamo avvelenare nessuno- fanno sapere- ma solo fare sabotaggio economico”.

Coca cola è infatti accusata di essere una delle società più inquinanti al mondo e di sfruttare il lavoro di carcerati in campi di internamento. Molte anche le accuse di corruzione nei confronti di leader compiacenti e sindacati deboli. Minacciata da un tale gesto, per quest’anno, la Grecia dovrà accontentarsi di un Natale senza Coca Cola.

 

G.c.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!