Aereo russo precipitato, recuperata la scatola nera. “Incidente causato da errore del pilota”

Sarebbe stato causato da un errore del pilota il drammatico incidente aereo che ha visto precipitare nel Mar Nero un Tupolev 154, aereo militare russo che trasportava giornalisti ed il Coro dell’Armata Rossa fino in Siria. La prima delle scatole nere è stata recuperata a 17 metri di profondità, a 1600 km dalla costa di Sochi, nel Mar Nero. Le autorità hanno sostenuto che la scatola nera ‘è in condizioni soddisfacenti’. Solamente lei poteva dare delle risposte sulla dinamica della tragedia.

tupolevSecondo un primo esame preliminare condotto presso il Ministero della difesa a Mosca, l’incidente sarebbe stato causato da un errore del pilota. Secondo le fonti, nella registrazione si udrebbero le seguenti parole: “Le ali! Comandante, cadiamo”. Il che fa pensare appunto che il pilota possa aver sbagliato qualche manovra. Sono ancora informazioni riportate dai principali media ed agenzie, e non ancora ufficialmente confermate dal Ministero.

Intanto in queste ore procede il recupero dei corpi delle persone che si trovavano sul volo. Sono state recuperate anche delle parti del motore, della fusoliera, e dei dispositivi per l’atterraggio. Probabilmente dopo il decollo l’aereo ha perso quota ed ha toccato l’acqua, spaccandosi ed affondando. L’impatto con l’acqua sarebbe avvenuto alla velocità di 510 km all’ora circa.