Omicidio Materazzo, latitante il fratello della vittima: è l’unico ricercato per l’assassinio

Ormai è ufficiale: ad essere ricercato per l’omicidio di Vittorio Materazzo, l’ingegnere ucciso con una coltellata alla gola il 28 novembre nell’androne di casa sua, nella Napoli bene, è il fratello, Luca Materazzo. La Procura di Napoli ha diffuso le foto del ricercato, che ha fatto perdere le sue tracce, e che risulta latitante a partire dal 22 dicembre, giorno in cui gli amici hanno dichiarato di non aver più avuto sue notizie.

luca-materazzoAll’uomo era stato notificato il provvedimento restrittivo di custodia cautelare, ma in casa sua gli agenti non hanno trovato nessuno. Fin dalle prime ore dopo l’omicidio, il cerchio dei sospettati si era ristretto sempre di più, andando a ricomprendere i familiari. Un testimone, che ha anche tentato di inseguire l’assassino, è stato prezioso per scoprire chi avesse ucciso l’ingegnere.

Nel 2003 risulta poi che Vittorio aveva denunciato suo fratello per aggressione: sembra che, al culmine di una violenta lite, Luca avesse tentato di strangolarlo, e l’intervento del padre aveva scongiurato che la lite finisse molto male. I rapporti fra i due fratelli non era buoni, Luca per la sera del delitto aveva un alibi molto tremolante e sulle mani ferite compatibili con quelle provocate da un coltello. Adesso l’unico sospettato risulta però latitante.