Russia, aereo precipitato: recuperata scatola nera

russiaaereoIl mistero che avvolge il disastro aereo che ha interessato il Tupolev TU-154 potrebbe finalmente risolversi. E’ stata infatti individuata e recuperata la scatola nera del velivolo russo precipitato nel Mar Nero: una tragedia che ha portato alla morte dei 92 passeggeri che erano a bordo del Tupolev, tra cui tutto il Coro dell’Armata Rossa, una leggenda russa praticamente sterminata.

A riferire del ritrovamento della scatola nera è l’agenzia Tass, ripresa dagli altri media russi. È stata localizzata anche la seconda “scatola nera”, che si spera venga portata in superficie nelle prossime ore.

Intanto l’agenzia russa Interfax, pur non riportando il nome della fonte, fa sapere che la Russia ha deciso di tenere a terra tutti i Tupolev TU-154 finchè non saranno chiari i motivi che hanno causato l’incidente.

Finora, le ipotesi più accreditate – stando a quanto riportato da Ria Novosti – sono quelle del guasto tecnico, con oggetti esterni finiti nel motore, l’errore umano e il carburante di bassa qualità. Allo stato attuale, non vi sono indizi o segnali che possano condurre verso la pista terroristica.

Il ministero della Difesa sovietico ha fatto sapere che la scatola nera sarà inviata “oggi stesso” a Mosca, aggiungendo che il registratore dei dati di volo è stato ritrovato con l’aiuto di un apparecchio telecomandato Falcon “oggi, alle 5.42, ora di Mosca, a una distanza di 1.600 metri dalla riva, a una profondità di 17 metri”.