Elezioni USA, Obama verso sanzioni alla Russia per ingerenze voto

Russian President Vladimir Putin shakes hands with U.S. President Barack Obama as they attend the World Climate Change Conference 2015 (COP21) at Le Bourget, near ParisSanzioni alla Russia: ci starebbe seriamente pensando Barack Obama dopo quanto emerso in merito alle ultime elezioni presidenziali. La Russia, infatti, ha ricevuto accuse di ingerenza per le ultime elezioni che hanno portato alla vittoria di Donald Trump sulla rivale Hillary Clinton.

A riportarlo è il Washington Post, che riporta alcune fonti secondo cui la Casa Bianca “potrebbe annunciare le misure, incluse sanzioni economiche e censura diplomatica, entro la fine della settimana”. L’amministrazione Obama, infatti, starebbe finalizzando i dettagli.

L’imposizione di un pacchetto di misure contro la Russia arriva al termine di settimane di dibattito all’interno della Casa Bianca su come rivedere l’ordine esecutivo del 2015 che concede al presidente l’autorita’ di rispondere ai cyberattacchi stranieri. L’ordine era stato annunciato da Obama come un successo, ma un esame attento ha spinto gli esperti ad affermare che cosi’ com’era scritto non poteva essere usato per l’hackeraggio della Russia e la sua ingerenza nelle elezioni. Da qui l’esigenza di rivedere l’ordine e limare il linguaggio usato, per far si’ che anche il caso della Russia sia incluso.

Una delle modalità al vaglio dell’amministrazione Obama è quella di considerare il sistema elettorale come parte dell’infrastruttura critica degli Stati Uniti d’America. Obama cercherà anche un modo per far sì che Trump, una volta insediato, non smantelli le iniziative che verranno assunte.