Fuga di gas, crolla palazzina a Roma: la piccola Deborah parla da sotto le macerie

palazzinaromaUna palazzina situata ad Acilia, frazione che si trova nella periferia di Roma, è completamente crollata in seguito ad una violenta esplosione. Il tutto è avvenuto intorno alle ore 14. E’ molto probabile che ci siano persone intrappolate sotto le macerie del palazzo, e le forze dell’ordine credono che il rischio di vittime sia molto alto.

La deflagrazione, avvenuta intorno alle 14, è stata causata molto probabilmente da una fuga di gas. In questo momento si sta scavando senza sosta per cercare di trovare le persone coinvolte dal crollo della palazzina.

Sul posto del disastro sono giunti i vigili del fuoco, la polizia municipale del X gruppo, la polizia e i carabinieri.

Il palazzo si trovava al civico 36 di Via San Giacomo della Marca, ad Acilia, frazione situata nella periferia di Roma. L’edificio era composto da 4 appartamenti, ed è interamente crollato in seguito ad una violenta esplosione, provocata con tutta probabilità da una fuga di gas. Il tutto è accaduto nel primissimo pomeriggio, intorno alle ore 14.

Ultimo aggiornamento (purtroppo funesto): dopo 7 ore di ricerche, sono stati trovati i corpi senza vita di Debora, insegnante 40 anni, e della figlia Aurora, di appena 8 anni, trovata a poca distanza dalla madre. Il padre e l’altro figlio sono scampati alla tragedia solo perché in quel momento non si trovavano in casa.