Castellammare, 18enne morto per sospetta meningite: è psicosi in Campania

Aveva 18 anni Sebastiano Petruccio, ragazzo di Agerola, morto ieri all’ospedale di Castellammare di Stabia a causa di una sospetta meningite. Il ragazzo era arrivato in ospedale con una febbre altissima ed il corpo pieno di macchie. Il ragazzo è stato sottoposto ad analisi ed accertamenti, ma le sue condizioni sono peggiorate nell’arco di qualche ora, e quindi il giovane è morto. Il pronto soccorso è stato chiuso per 4 ore per attuare la sanificazione, parenti, amici e personale medico sono stati sottoposti a profilassi.

meningiteLa paura è che ad aver ucciso Sebastiano sia stata la meningite. Grandissimo il dolore dei familiari di un ragazzo di soli 18 anni: il padre ha raccontato che Sebastiano stava bene, il giorno prima era andato a correre, come sempre. E quindi, improvvisa, una febbre altissima, che ha subito fatto preoccupare i genitori. La corsa all’ospedale, che è stata inutile.

Qualche giorno fa è morta a Roma un’insegnate di scuola di 50 anni: meningite, una malattia che l’ha portata via in pochissimo tempo. Adesso scatta la psicosi in Campania: troppi morti. Il presidente del Gruppo Campania Libera, Psi e Davvero Verdi, Francesco Emilio Borrelli, ha detto: “Non si riesce a capire per quale motivo, i visti i tanti casi registrati, si continui a sottovalutare il rischio che la meningite faccia vittime in Campania”.