Si portano il braciere in casa, tre indiani uccisi dal monossido

monossidoSarebbero state le esalazioni di un braciere a provocare la morte di tre cittadini indiani, uccisi da un’intossicazione a San Pietro Mussolino, in provincia di Vicenza.

I tre, che avevano organizzato ieri sera una grigliata insieme ad altri amici, avevano utilizzato un normale barbecue per cuocere la carne. I tre indiani, infatti, con altri amici per festeggiare la partenza di uno di loro, il più vecchio del gruppo, regolare in Italia e assunto come autista in una ditta di volantinaggio. Tuttavia avevano poi deciso di portarsi l’oggetto in casa per scaldarla, senza considerare il fatto che la brace ancora ardente avrebbe potuto sprigionare monossido.

Stamane un vicino di casa si è insospettito perchè non ha visto una delle vittime uscire di casa con il furgone, come faceva tutte le mattine. Un particolare talmente inusuale che ha spinto l’uomo, anche lui indiano, a verificare personalmente ciò che era accaduto, dapprima telefonando al vicino e poi suonando il campanello di casa.

Quando non ha ottenuto risposta ha deciso di forzare la porta dell’abitazione, facendo così la tragica scoperta.

Sono intervenuti i Vigili del fuoco che hanno trovato le tre vittime distese nei loro letti: le strumentazioni dei pompieri hanno evidenziato un’altissima concentrazione di monossido di carbonio.