Home Tempi Postmoderni

Gallardo, ex massone: “La massoneria lotta contro il cattolicesimo”

CONDIVIDI

massoneriaSulla massoneria ci sono poche notizie e spesso contraddittorie, questo perché quelli che ne fanno parte non ne possono parlare e quelli che ne escono preferiscono evitare l’argomento. A rompere il silenzio attorno alle pratiche massoniche ci ha pensato Serge Abad-Gallardo (ex sacerdote massonico e membro della setta ‘Diritto Umano’ per 24 anni) con il suo libro ‘J’ai frappè à la porte du temple” (Ho bussato alla porta del tempio) in cui spiega per filo e per segno sia le pratiche all’interno della setta che le sue finalità.

Gallardo spiega come i membri della massoneria ti attirino all’interno utilizzando un gergo simile a quello cattolico, loro parlano di luce e fraternità ed utilizzano espressioni simili a quelle del Vangelo come “Cerca e troverai” o “Chiedi e ti sarà dato“. Il gergo simile a quello della Chiesa serve a creare uno spirito di comunione, a far capire che se entri nella confraternita non solo non rimarrai solo, ma ti verranno forniti degli strumenti per conoscere il funzionamento e la verità sul mondo.

Le somiglianze con la Chiesa rimangono solo a livello linguistico, semanticamente invece ci sono enormi differenze come sul concetto di luce: “Quando la massoneria parla di “Luce”, parla di una “Conoscenza”, un sapere esoterico, ermetico e occulto”, niente a che vedere con quello religioso. Gallardo nel suo libro si sofferma sopratutto sulle finalità della massoneria, spiega come sia potente e presente in ogni strato della società dal ruolo più basso a quello più alto.

La finalità è dunque quella di ricoprire i posti di potere nella società in modo da poter avere denaro? Questo, spiega l’ex sacerdote, è solo una parte del loro progetto che è quello di creare un utopia, per dimostrarlo Gallardo, parlando a ‘Gloria tv‘, fa differenti esempi: ” Leggi come quelle sull’aborto, sull’eutanasia o sul matrimonio omosessuale vengono da idee massoniche. Un gran maestro della Grande Loggia di Francia, Pierre Simon, ha confessato che tutte queste leggi erano già state preparate nelle logge prima di essere votate dai deputati”.

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram