“Effeminato e provocatorio”, 13enne tolto alla madre dai Servizi Sociali

minorenniAllontanato dalla famiglia perchè “effeminato e provocatorio”. Ha dell’incredibile la storia riportata dal “Mattino” di Padova e riguardante un 13enne della provincia padovana. L’adolescente è stato tolto alla madre per il suo atteggiamento “ambiguo”, come viene descritto nella relazione dei Servizi Sociali.

“Il suo mondo affettivo risulta legato quasi esclusivamente a figure femminili – si legge nel rapporto – e la relazione con la madre appare connotata da aspetti di dipendenza, soprattutto riferendosi a relazioni diadiche con conseguente  difficoltà di identificazione sessuale”.

E’ sempre il Mattino di Padova a riportare alcuni dettagli ancora più precisi: il 13enne si sarebbe recato spesso a scuola “con gli occhi truccati, lo smalto sulle unghie e brillantini sul viso”. La madre si è giustificata dicendo che il figlio era andato a scuola in quel modo per la ricorrenza di Halloween.

Una famiglia che ha già dovuto sopportare una prova molto difficile: il padre del 13enne è stato infatti accusato di abusi sessuali nei suoi confronti. Successivamente per l’uomo è stata emessa una sentenza di assoluzione, anche se i giudici hanno sostenuto che non c’era motivo per dubitare dei fatti raccontati dal bambino.

“Trovo scandalosa la decisione di allontanare un ragazzino solo per l’atteggiamento effeminato”, dice l’avvocato Francesco Miraglia, specializzato in diritto di famiglia. “Mi sembra un provvedimento di pura discriminazione”.