Ferrara: mistero sulle due gemelline morte, secondo la madre sarebbero state fatte sparire

ferrara (2)Davvero sconcertante quello che è accaduto a Barbara Mangolini, 45 anni, residente a Vigarano Mainarda (Ferrara). La donna ha partorito le sue gemelline al sesto mese di gravidanza, ma non è mai stato accertato se le neonate siano morte oppure siano state fatte sparire da qualcuno.

“Il mio desiderio più grande era diventare mamma. Dopo tanti tentativi, ero finalmente riuscita a portare avanti una gravidanza. Mi dissero: ‘Signora, nasceranno due splendide gemelline’. Non stavo più nella pelle. Io e il mio compagno eravamo così felici che subito scegliemmo i nomi: Maria e Iolanda. Il nostro sogno, però, si è infranto al sesto mese di gravidanza e da quel momento si è trasformato in un incubo. Non so nemmeno che cosa sia successo esattamente. So solo che le mie bambine non sono qui con me. Ma, soprattutto, non so neppure se le piccole siano davvero morte come ci hanno detto oppure se siano state fatte sparire dopo la nascita. Voglio la verità». Queste le parole della donna in merito ad un caso che presenta ancora troppi punti oscuri.

Dopo il parto prematuro, infatti, le fu dichiarato che le bambine erano morte, ma nessun componente della famiglia ha avuto la possibilità di poter visionare i feti. “A seguito di alcuni disturbi, venni ricoverata al reparto di Ostetricia dell’ospedale di Cona, a Ferrara. Il 14 novembre 2014 fui portata d’urgenza in sala operatoria dove diedi alla luce la prima delle due gemelline. Ma il mondo mi crollò addosso quando mi fu detto che la bimba era nata morta”. La Procura di Ferrara, intanto, ha aperto un’inchiesta e cinque medici sono stati indagati.

Simone Brugnoli