I messaggi WhatsApp sono sicuri? Ricercatore avverte: “Sono a rischio intrusione”

whatsapp-afp-TLF-kBCF--672x351@IlSole24Ore-WebWhatsApp è da qualche anno la piattaforma di messaggistica istantanea più importante del mondo (oltre un miliardo di utenti), per proteggere questa mole di conversazioni e dati sensibili l’azienda che ne detiene i diritti, Facebook, ha dotato la chat della sua app di un sistema di criptografia delle conversazioni che dovrebbe permettere agli utenti di mantenere segrete le proprie conversazioni.

Questo accorgimento, però, potrebbe non bastare a proteggere la nostra privacy, stando alle affermazioni di Tobias Boelter brillante ricercatore dell’Università di Berkley (California) sul dispositivo ci sarebbe una falla che permette a Facebook o a chiunque ne abbia le capacità di entrare all’interno delle chat e spiare conversazioni. Boelter ha spiegato in un intervista concessa al ‘The Guardian‘ che esiste una back door, una porta d’accesso che risiede nella progettazione stessa del sistema di criptografia.

Il ricercatore quando si è accorto della vulnerabilità del sistema (Aprile 2016) ha provato ad avvertire Facebook del problema, ma questi in una mail di risposta gli hanno comunicato che l’azienda è a conoscenza dell’esistenza della falla, ma anche che al momento nessuna squadra di sviluppatori è a lavoro per sistemarla, perché? Pare che si tratti di un “Comportamento atteso“, ovvero di un problema contemplato in fase di sviluppo. Quello che viene da chiedersi è come mai tale problema non è stato sistemato, forse la tanta decantata privacy è solo di facciata?