Napoli, spara e ferisce la ex e il compagno: aveva già ucciso la prima moglie nel 1991

Spara e ferisce ex moglie e compagno di lei a NapoliHa un volto e nome l’aggressore di Rosaria Montaniello e del compagno Antonio Fevola, entrambi di 40 anni, avvenuta davanti al Tribunale di Napoli. Si tratta, infatti, di Giuseppe Antonucci, di 54 anni, ex marito della Montaniello.

I due sono rimasti feriti dai proiettili esplosi da Antonucci, ma non sarebbero in pericolo di vita. Il 54enne era già noto alle forze dell’ordine per dei precedenti penali: l’uomo aveva già ucciso la prima moglie, Loredana Esposito, il 25 gennaio 1991. Per quell’omicidio, avvenuto nel Rione Luzzatti, Antonucci venne condannato a venti anni di carcere, il 2 febbraio del 1993.

Antonucci ha compiuto la nuova aggressione dinanzi al Tribunale di Napoli, precisamente nel Centro Direzionale della città, dove ci sono uffici, sedi istituzionali ed edifici residenziali. Il 54enne ha inseguito la coppia per un centinaio di metri, sparando, fino all’ingresso della stazione ferroviaria della Circumvesuviana. In seguito la polizia è riuscito a bloccarlo: un agente lo ha chiamato al telefono e lo ha convinto ad arrendersi. Fortunatamente, i proiettili hanno soltanto ferito Rosaria Montaniello e Antonio Fevola, che si trovano ora ricoverati rispettivamente negli ospedali Loreto Mare e San Giovanni Bosco.

Dopo essere stato condannato a venti anni di reclusione, il 2 febbraio del 1993, Antonucci era stato scarcerato nel 2003, al termine di una pena trascorsa tra il carcere e l’ospedale psichiatrico giudiziario.