Usa, sesso orale con amici minorenni della figlia: insegnante 41enne rischia 21 anni di prigione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:01

Una donna di 41 anni, Bridget Caplin, è stata arrestata dalla polizia del Michigan con l’accusa di violenza sessuale su Caplin_1477406537590_48619397_ver1_0_640_480minori.

La donna si sarebbe intrattenuta, in un parcheggio della chiesa di Plymouth, assieme ad un amico minorenne di sua figlia. Prima avrebbe dato al ragazzo dell’alcol e poi, una volta assicuratasi dello stato di ebrezza del giovane, gli avrebbe praticato del sesso orale. Immediato l’allontanamento dal posto di lavoro, dato che Caplin opera in qualità di assistente all’insegnamento nella East Middle School, poi l’arresto definitivo per violenza sessuale.

Ma non basta. Sempre in base alle indagini è risultato che lo stesso trattamento “speciale” sia stato riservato ad altri coetanei del giovane, tutti alunni della vicina scuola di Salem. In questo caso sarebbero emerse alcune foto compromettenti che l’insegnante avrebbe mandato ai suoi studenti prediletti. Foto discinte, che ritraggono la donna senza vestiti intenta a simulare il gesto di una fellatio. A conferma di ciò arrivano anche le parole del padre di uno dei giovani coinvolti, il quale avrebbe trovato sul dispositivo del figlio alcune delle foto incriminate, inviategli dalla donna nel cuore della notte.

Il rischio corso da Bridget Caplin è alto, considerando gli anni che vengono comminati ai responsabili di abusi sessuali negli Stati Uniti, ma uno dei ragazzi ha deciso di sottrarsi all’ultimo istante dalla testimonianza, facendo così cadere alcuni capi d’accusa e permettendo alla donna di ottenere, anziché 21 anni di carcere come prescritto dalla legge, due anni di libertà vigilata e il divieto assoluto di frequentare zone ad alta concentrazione di minorenni.