Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Ultime notizie di Economia

Rapporto Oxfam: “8 supermiliardari hanno ricchezza pari a mezza umanità. Crescono disuguaglianze”

CONDIVIDI

Ministero dell'Economia, sit-in degli studenti contro la crisi economicaE’ un’istantanea impietosa del neoliberismo selvaggio, quella prodotta da una delle più antiche società di beneficienza, la Oxfam, ad appena ventiquattro ore dall’apertura del Word Economic Forum che si terrà a Davos.

Li, in quei meeting così inaccessibili, dove vengono stabilite linee economiche e politiche dei prossimi mesi, si incontreranno, con ogni probabilità, la maggior parte di quei soggetti economicamente facoltosi che sono l’oggetto dell’ultimo rapporto prodotto dalla Oxfam. I primi 8 super miliardari del pianeta, si legge ancora nel report, detiene la stessa ricchezza che è riuscita a mettere insieme la metà della popolazione mondiale. Stiamo parlando di una somma pari a 3,6 miliardi di individui. E’ questo, dunque, il fallimento dell’autoregolamentazione del mercato, il succo delle politiche neoliberiste che hanno lambito gli Stati occidentali negli ultimi trent’anni. Un resoconto davvero poco giustificabile, se si considera che “la diseguaglianza non accenna a diminuire, anzi, continua a crescere, sia in termini di ricchezza che di reddito”, come spiega Elisa Bacciotti, direttrice delle campagne Oxfam Italia.

E questa tendenza, che coinvolge tutti i Paesi dell’occidente, non risparmia ovviamente neppure il nostro. Il 20% più ricco ha infatti in mano il 69,05% della ricchezza complessiva, mentre un altro 20% ne controlla il 17,6%. Il 60% della popolazione italiana, insomma, detiene il 13,3% della ricchezza prodotta.

Altra tegola sui comuni cittadini è la rottura, decennale per la verità, del rapporto fra produzione e reddito. In un senso generico, si può affermare che fino a qualche tempo fa l’aumento della produttività si tramutasse, con i dovuti differenziali, in aumento del reddito e che la collettività riuscisse a trarre vantaggio economico dall’incremento della produzione complessiva di una nazione. Tutto ciò si è interrotto e, stando sempre ai dati del rapporto Oxfam, l’unico aumento tangibile si riscontra nelle fasce alte della popolazione.  Quasi la metà dell’incremento degli ultimi anni, infatti, è arrivato solo al 20% più ricco del Bel Paese. Una vera mannaia, considerando anche che l’Italia è fanalino di coda dell’intera Ue, con due punti percentuali in meno della media continentale.

Giuseppe Caretta

Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram