“El Chapo” estradato negli USA: il ‘signore della droga’ rischia la pena di morte

elchapoJoaquin “El Chapo” Guzman è ‘sbarcato’ a New York. In giornata comparirà davanti ad un tribunale federale di Brooklyn.

L’ex signore della droga del Messico è stato infatti estradato negli Stati Uniti, dove dovrà essere processato in California ed in Texas: rischia la pena di morte.

Fondatore del temuto e potente cartello di Sinaloa, Guzman – detto “El Chapo” – era riuscito a scappare ben due volte dalle prigioni del Messico.

Aveva fatto scalpore l’evasione messa a segno nella notte tra l’11 e il 12 luglio 2015 dal carcere di massima sicurezza di Altiplano, vicino Città del Messico. Guzman era infatti riuscito a scappare attraverso un tunnel lungo un chilometro, scavato sotto la sua cella.

Già il 9 giugno 1993 era stato arrestato nel Chiapas, con l’accusa di omicidio e traffico di droga, ed era riuscito a evadere dalla prigione di Guadalajara dopo aver corrotto delle guardie carcerarie.

Joaquin “El Chapo” Guzman era stato incriminato per traffico di droga negli USA, e stava scontando una pena di 20 anni di reclusione. Guzman costruì un impero criminale incredibilmente potente: non a caso la rivista statunitense “Forbes”, nel 2009, lo ha inserito nell’elenco delle persone più ricche del mondo, attestandogli un patrimonio stimabile intorno alla cifra di un miliardo di dollari.