Hotel Rigopiano, estratte vive dieci persone, trovate due donne senza vita. Si continua a scavare

Non cessa l’immane lavoro dei vigili del fuoco per cercare di salvare il prima possibile le persone localizzate sotto la neve che ha travolto e cancellato l’hotel Rigopiano. Nella notte, prima dell’alba, sono state estratte altre quattro persone e la protezione civile coi vigili stanno lavorando per estrarre una quinta individuata. Ma si sentono altre voci, e si lavora ancora. Una corsa contro il tempo per cercare di tirare fuori dalla neve altri eventuali sopravvissuti prima che sia troppo tardi.

rigopiano1 rigopiano2Un lavoro eroico ed un miracolo nel quale quasi nessuno più credeva. E’ da 43 ore che questi eroi in divisa stanno lavorando nella neve e sul ghiaccio a temperature proibitive per cercare di salvare queste persone. Intanto Giampiero Parete, il 38enne salvatosi miracolosamente dalla valanga sotto la quale erano rimasti i due figli e la moglie, ha potuto riabbracciarli tutti: estratti vivi, stanno bene.

Salvati, anche grazie alla stessa neve. “La neve come sappiamo a livello tecnico ti protegge molto” ha commentato Marco Bini, soccorso alpino.
Intanto i lavori proseguono senza sosta. Ma non ci sono solo buone notizie. Sono stati recuperati infatti anche i corpi senza vita di due donne, che non sono ancora state identificate. E così i morti sono 4, finora, e ancora più di venti le persone disperse.