USA fuori dal TTIP. Trump contro la globalizzazione selvaggia dice alle aziende: “Assumete in USA”.

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:46

E’ ufficiale: gli USA sono fuori dal TTIP, l’accordo commerciale trans-pacifico, come aveva promesso Trump nel corso della campagna elettorale. Il TTIP è un trattato di liberalizzazione commerciale del transatlantico, ed ha come obbiettivo quello di favorire la libera circolazione delle merci sui territori.
Quella dell’abolizione del TTIP è stato uno dei cavalli di battaglia della campagna elettorale di Trump.

Il TTIP era molto contrastato perché portava alla creazione di un mercato globale vastissimo e privo della maggior parte delle tutele europee in materia alimentare e non, ed inoltre era visto come rischioso per la salute delle piccole imprese rispetto alle multinazionali. Il primo passo di Trump è quindi contro la globalizzazione selvaggia, a salvaguardia delle imprese del territorio.

Trump ha anche bloccato i fondi che vengono dati dagli stati federali alle Ong internazionali che praticano aborti. Per risollevare la middle class dalla disoccupazione che ha prosperato sotto l’amministrazione Obama, Trump ha promesso un taglio delle tasse ed ha detto alle aziende: “Tutto quello che dovrete fare è stare qui, non andar via. Non licenziare la vostra gente negli Usa”. Inoltre, sempre per proteggere i prodotti locali, ha suggerito l’introduzione di un dazio doganale sulla merce straniera che entra negli USA.