Il Muro al confine col Messico? Esiste da 23 anni. E lo ha costruito Bill Clinton

Negli ultimi mesi sembra aver provocato un grande scalpore la decisione del presidente Donald Trump di ‘costruire’ un muro al confine col Messico per fermare la tragica ondata di immigrazione e di criminalità che proviene da questo Stato. Quello che sembra sfuggire a molti indignati, però, è che il muro al confine col Messico esiste da almeno vent’anni.

Venne costruito, per la precisione, per volontà dell’ex presidente USA Bill Clinton, e prede il nome di “barriera di separazione fra Stati Uniti d’America e Messico”. Costruito nel 1994 sotto la presidenza Clinton, consiste in una lamiera metallica alta da 2 a 4 metri e illuminata, e controllata dai poliziotti statunitensi.

Il Senato il 29 settembre del 2006 confermò l’autorizzazione del muro. Votarono a favore anche Hillary Clinton e Barack Obama, allora senatore dell’Illinois. Il progetto di Trump è quello della continuazione di un muro che in questi 23 anni è sempre rimasto, evidentemente anche  grazie al benestare delle presidenze che si sono intervallate e che mai si sono opposte al muro, come quella di Barack Obama. La verità è che il problema dell’immigrazione clandestina dal Messico e del traffico di droga è una vera piaga per gli Stati Uniti d’America.