26 Gennaio 2017: si venera Santa Paola romana patrona delle vedove

Il 26 Gennaio la Chiesa Cattolica festeggia Santa Paola, matrona romana di nobile famiglia che fu discepola di San Girolamo.

Imparentata con la gens Cornelia, Paola apparteneva a una ricchissima famiglia patrizia e nacque durante il regno di Costantino II (337-340).

A quindici anni sposò il senatore Tossozio da cui ebbe cinque figli. Rimasta vedova a 32 anni, si diede alla preghiera e alla penitenza insieme a un gruppo di vedove riunite sotto la guida di Marcella (nobildonna romana seguace di San Girolamo), sull’Aventino.

Nel frattempo continuò a dedicarsi alla famiglia, ma anche agli impegni religiosi e alle opere caritatevoli: nel suo palazzo accoglieva pellegrini, organizzava riunioni di preghiera e di approfondimento della dottrina cristiana e promuoveva iniziative per i poveri.

Nel 382 ospitò San Girolamo giunto a Roma insieme a due vescovi d’Oriente. In questo periodo a Roma si diffusero vecchie calunnie su un sua presunta relazione amorosa con il santo dalmata.

Alla morte di papa Damaso I nel 384, San Girolamo ripartì per la Terrasanta, al fine di dedicarsi all’opera di traduzione in latino delle Sacre Scritture. L’anno dopo Paola lo raggiunse, portando con sé la figlia Eustochio.

Dedita alla carità, la nobildonna spese tutte le sue ricchezze per creare una casa destinata ai pellegrini e due monasteri a Betlemme, uno maschile e uno femminile. In quest’ultimo Paola dimorò e costituì una comunità.

Qui la pia donna morì all’età di 59 anni, il 26 Gennaio 406, affidando alla figlia la conduzione della comunità femminile.

Fu sepolta nella basilica della Natività a Betlemme.

MDM