29 Gennaio 2017: si festeggia San Valerio di Treviri

Il 29 Gennaio la Chiesa Cattolica venera San Valerio che fu il secondo vescovo di Treviri, la più antica città della Germania.

Venerato come santo anche dalle Chiese Ortodosse, che lo festeggiano il 10 Novembre o l’11 Settembre insieme ai condiscepoli Eucario e Materno, Valerio visse quasi certamente tra il III e il IV secolo.

La tradizione, che non trova fondamento storico, vuole che Valerio fosse un discepolo di San Pietro, il quale lo avrebbe inviato insieme ad altri due vescovi a evangelizzare la Gallia.

Secondo la leggenda, dopo aver convertito folle di pagani in Gallia e Germania, Valerio resuscitò il compagno di attività apostolica Materno, usando il bastone pastorale che lo stesso San Pietro gli aveva inviato.

Il vescovo Eucario, che intanto era morto, lo avvertì in sogno della sua imminente morte, che lo colse il 29 Gennaio dell’88.

La data tuttavia è da posticipare agli inizi del IV secolo, come si evince dal Catalogo episcopale della città di Treviri e da antiche epigrafi.

Le sue reliquie sono conservate in un sarcofago di tardo stile romanico nella chiesa di San Mattia a Treviri, come pure quelle di Sant’Eucario; entrambi i sepolcri furono commissionati dal vescovo di Treviri San Cirillo intorno alla metà del V secolo.

Talora Valerio di Treviri viene scambiato con San Valerio vescovo di Ravenna, che viene celebrato nella stessa data.

MDM