Ancona, accoltella e uccide per strada rivale in amore

Ci sarebbero dei motivi passionali alla base del brutale omicidio avvenuto ieri presso un distributore di benzina di Sassoferrato, in provincia di Ancona.

Alessandro Vitaletti, 47 anni, di professione insegnante presso la scuola media di Serra San Quirico (Ancona), è morto dopo aver ricevuto numerose coltellate – per gli investigatori almeno cinque, ndr – di cui una letale tra il cuore e lo sterno.

L’aggressore, dopo aver compiuto l’efferato omicidio, è fuggito a bordo della sua auto. I carabinieri lo hanno cercato per tutta la sera, grazie alle testimonianze raccolte da chi ha assistito alla scena. L’uomo, infatti, sarebbe un muratore originario del Sud Italia, ma residente da molto tempo nell’anconetano. L’omicida considerava a tutti gli effetti il 47enne un rivale in amore e nei suoi confronti nutriva un profondo sentimento di rabbia. Ecco perchè non appena lo ha visto giungere nei pressi del distributore di benzina, l’assassino ha perso la testa e ha dato sfogo alla sua follia.

Alcune ferite lasciano presupporre che il Vitaletti abbia fatto di tutto per cercare di fermare la furia omicida dell’uomo. Il killer è poi fuggito lasciando il 47enne sul marciapiede privo di coscienza: l’insegnante è stato soccorso da alcuni passanti, ma ogni tentativo di rianimarlo si è rivelato inutile. L’uomo è infatti spirato all’ospedale Profili di Fabriano a causa delle ferite riportate, in particolare quella al cuore.