Adolescente mostra il corpo coperto di ustioni e scrive: “Non ti piaccio, vattene!”

Sono passate quindici settimane dal devastante incendio che ha visto il giovane Troy Mac Kinlay uscire da un inferno di fiamme con il corpo devastato dalle ustioni. Il ragazzo ha dimostrato di voler sopravvivere a tutti i costi al fuoco sacrificando anche gran parte delle dita pur di uscire dalla casa in fiamme, ciò nonostante, all’arrivo in ospedale le sue condizioni erano critiche e i medici hanno dato alla sua famiglia una probabilità minima di sopravvivenza (il 5 %) dello sfortunato ragazzo.

Dopo 14 settimane di spasmodica attesa, Troy si è risvegliato dal coma e ha ricominciato a parlare, il suo umore non era dei migliori, temeva che nessuno voglia più accompagnarsi a lui, ma questo non gli ha impedito di essere riconoscente allo staff dell’ospedale che gli ha permesso di rimanere in vita malgrado tutto. Proprio questo desiderio di ringraziare lo staff medico unito alla voglia di rimettersi in gioco gli ha fatto venire voglia di pubblicare uno scatto che mostrasse a tutti il suo attuale aspetto alla gente. Troy ha chiesto ad Abra (la sorella) di scattargli la foto e di pubblicarla su Facebook con questa didascalia : “Questo sono io, se non ti piace vattene!”.

L’appello rabbioso di un adolescente che si è visto privato del suo aspetto e della sua vita e che ha bisogno di conferme e di persone che gli vogliano stare vicino in una situazione disperata ha colpito al cuore gli utenti di Fb. La richiesta di Troy ha ricevuto più conferme del previsto, sono 7000 le condivisioni della foto e svariate migliaia i commenti di supporto ricevuti.