Raggi interrogata 8 ore dai pm: “Non sapevo nulla della polizza”

“Non sapevo nulla della polizza, sono sconvolta. Ho chiarito, ho risposto a tutte le domande”. Così la sindaca di Roma, Virginia Raggi, dopo essersi sottoposta per 8 ore alle domande dei magistrati in merito alla presunta polizza vita per 30 mila euro stipulata un anno fa a beneficio della sindaca dall’ex capo della segreteria Salvatore Romeo.

La Raggi ha dichiarato di essere completamente all’oscuro di tale polizza. “Sono ancora più determinata ad andare avanti – ha detto la Raggi – Perchè qui c’è molto lavoro da fare”.

Sta di fatto, però, che una nuova bufera si abbatte sul Comune di Roma e sulla giunta pentastellata: Romeo è infatti considerato uno dei fedelissimi di Virginia Raggi. 

Romeo avrebbe destinato la polizza alla Raggi quando lei era in corsa per la scelta del candidato sindaco M5S. Sei mesi prima, quindi, di essere nominato dalla neo sindaca capo della segreteria con stipendio triplicato, dopo essersi dimesso da funzionario del Comune ed essere stato riassunto. Una procedura vagliata dall’Autorità anticorruzione (Anac), che indusse poi Raggi a tagliare il compenso.

“Perché Romeo ha organizzato una cosa del genere? Non ho idea – risponde la prima cittadina – poi ci sono le indagini in corso”. E proprio la ratio di questi investimenti è attualmente al vaglio della magistratura.