Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia

Grillo difende la Raggi: “Er sinnaco nun se tocca”

CONDIVIDI

Usa il dialetto romanesco Beppe Grillo per esprimere solidarietà e vicinanza alla sindaca di Roma, Virginia Raggi, finita nel polverone delle polemiche per l’ormai nota polizza stipulata da Salvatore Romeo a beneficio della stessa Raggi. La sindaca ha ribadito di essere completamente all’insaputa di tale polizza, aggiungendo di essere rimasta “sconvolta” dalla notizia.

Beppe Grillo, sul suo blog, ha pubblicato un sonetto scritto da un elettore capitolino a sostegno del primo cittadino.

Il sonetto di Antonio Ventrone – già autore di un altro sonetto ispirato tuttavia a Renzi e intitolato ‘Nun vali niente’ – recita che “dar primo giorno dopo l’elezzione, l’hanno accerchiata dandoje er tormento, io ciò ‘n idea de tutta a situazzione, s’è messa contro quelli der cemento. Sò entrati prepotenti ner privato, vorebbero costrignela a la resa. Quarcuno ha fatto i conti e s’è sbajato”.

La conclusione è quanto mai significativa: “Virginia è onesta e pure preparata, er popolo ha capito, de chi fidasse, sippure tutti l’antri, sò in parata faremo tornà i sordi ne le casse. Fate attenzione quindi ‘brava’ gente, er Sinnaco de Roma nun se tocca, er popolo ha votato e nun se pente. In verità ve dico: puliteve la bocca”.

Un gesto, quello di Grillo, che la Raggi ha apprezzato molto: “Tra i tanti commenti di affetto di queste ore ho trovato questo che mi ha fatto sorridere. Vi ringrazio tutti e vi assicuro che tengo la barra dritta e vado avanti per Roma. Grazie a tutti”.

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram