GB, morto in carcere Stefano Brizzi: uccise un poliziotto dopo giochi sessuali

E’ morto in un carcere londinese Stefano Brizzi, l’italiano di 50 anni che nel dicembre scorso fu condannato all’ergastolo per l’omicidio del poliziotto Gordon Semple, un 59enne inglese attirato nel suo appartamento della capitale britannica attraverso un sito per appuntamenti gay e poi ucciso dopo giochi sessuali sadomasochistici.

Stando alle voci diffuse dall’agenzia di stampa “Press Association”, pare che Brizzi si sia tolto la vita, ma il suicidio dell’italiano non è ancora considerato ufficiale e non sono giunte conferme in tal senso.

Brizzi, dopo aver assassinato il poliziotto, ha tentato di far scomparire il suo cadavere dissolvendolo con l’acido nella vasca da bagno: una mossa che agli inquirenti ha ricordato molto la celebre serie televisiva “Breaking Bad”, dove in una puntata il protagonista cerca di far sparire il corpo di un rivale sciogliendolo nell’acido.

Il 50enne italiano era un personaggio alquanto controverso. Basti pensare che lo scorso aprile, quando due agenti bussarono alla porta di casa dopo essere stati avvisati dai vicini (che percepivano uno strano odore provenire dall’appartamento), Brizzi aprì in mutande e confessò immediatamente il delitto affermando: “Me lo ha ordinato Satana”.

Una posizione che l’uomo non confermò al processo, dove disse di aver strangolato Gordon Semple involontariamente durante un gioco sessuale.